Dolore pelvico o o brien

dolore pelvico o o brien

XXX dolore pelvico o o brien n. Somatizzazione e distress psicologico nelle donne. PARK cC. TU e,fS. Zolnouna,b, E. Parkc, C. Moored, C. Int, J. La sindrome della vestibolite dolore pelvico o o brien VVS, Vulvar Vestibulitis Syndromeil tipo più comune di dolore vulvovaginale cronico, compromette, in un qualche momento go here loro vita, la salute psicologica, fisica e riproduttiva di quasi 1 donna su 10 1. La VVS è nota anche come vulvodinia localizzata, vulvodinia localizzata provocata, e vestibolodinia 2, 3. Dal punto di vista clinico, la VVS è classificata in 2 sottogruppi, primaria e secondaria, sulla base della iniziale comparsa del dolore, quando la paziente per la prima volta usa un tampone o ha un rapporto sessuale primariao successivamente, dopo un intervallo libero da dolore secondaria 4.

Il dolore segreto. Liblum, S. Principi e pratica di terapia sessuale. Marendaz, L. The effects of childhood sexual abuse on female sexuality — a model of intervention.

Vancaille, G. Vaginismus: current approach. Immagini dall'alto verso il basso di:. Pelvic floor disorders: the role of fascia and ligaments.

Clinical obstetrics and gynecology ; Stanton SL. Vaginal prolapse. Correlation of uretral physiology and skin collagen in postmenopausal women. Br J Obstet Gynaecol ; Skin collagen changes in postmenopausal women receiving different regiments of estrogen. Obstet Gynecol ;70 1 The role of partial denervation of the pelvic floor in the aetiology of genitourinary prolapse and stress incontinence of urine. A neurophysiological dolore pelvico o o brien.

Effect of vaginal delivery on the pelvic floor. A 5-year follow-up. Br J Surg ; Pelvic floor damage and childbirth: a neurophysiology study. Parker G, Nicolas DH. Genital prolapse. In: Albert Altcheck, Liane Deligdrich eds. dolore pelvico o o brien

Dolore in gravidanza, nuove linee guida sull'uso degli analgesici

Uterus: Pathology, Diagnosis and Management. New York: Dolore pelvico o o brien. Delaney JOL. Anatomy and biochemics of genital prolapse. Clin Obstet Gynecol ; The anatomy of the pelvic floor. Curr Opin Obstet Gynecol ; Changes in metabolism of read more in genitourinary prolapse.

Different biochemical composition of connective tissue in continent and stress incontinent women. Acta Obstet Gynecol Scand ; Biochemical composition of collagen in continent and stress urinary incontinent women.

Gynecol Obstet Invest ; What predisposes young women to genital prolapse? Nichols DH. Massive eversion of the vagina. In Nichols DH ed. Il restringimento è provocato da un'infiammazione dei tessuti che rivestono le pareti delle vie respiratorie, da spasmi della muscolatura liscia e da secrezione di muco nelle vie respiratorie.

L'efficacia della manipolazione chiropratica è basata sul fatto che essa corregge uno squilibrio fisico e neurologico nel modo seguente: 1 la presenza di una restrizione motoria in corrispondenza di una o più articolazioni vertebrali irrita i nervi a livello di vertebre e radici nervose.

L'approccio chiropratico si fonda principalmente sulla manipolazione vertebrale, ma prevede anche una consulenza alimentare, l'identificazione di allergeni, e la salute in generale. Molti pazienti riferiscono un miglioramento della stipsi cronica in seguito alla manipolazione lombare in genere eseguita per trattare una lombalgia. In molti casi il paziente soffriva dolore pelvico o o brien stipsi da molto tempo prima che insorgesse il problema alla schiena, che si è poi risolta ripristinando la mobilità lombare.

Pazienti affetti da ernia iatale con problemi di reflusso gastro-esofageo trovano beneficio o addirittura la soluzione al loro problema con l'approccio chiropratico: in genere l'aggiustamento vertebrale viene accompagnato continue reading una manovra viscerale direttamente al livello dello iato la parte di stomaco coinvolta nell'ernia iatale e da un ri-equilibrio alimentare.

BJOG leggi. Tags: dolore gravidanza analgesici. Altri articoli della sezione Dolore. Il nostro gruppo ha trovato che il sottogruppo di donne con VVS primaria dolore pelvico o o brien i livelli più alti di somatizzazione, ansia, e distress psicologico. Tuttavia, non abbiamo rilevato differenze significative, tra i sottogruppi di donne con VVS, nelle misure del dolore nei rapporti sessuali.

Non abbiano neppure confermato la nostra ipotesi che il gruppo con VVS primaria latente differisse da quello con VVS secondaria quanto a distress psicologico e somatizzazione. Il gruppo con la forma primaria dolore pelvico o o brien non presentava differenze significative, rispetto agli altri due gruppi, in termini di dolore o di caratteristiche psicologiche; tuttavia, in queste misure le donne tendevano ad avere punteggi intermedi tra i gruppi con VVS primaria e secondaria.

Inoltre, nel gruppo more info VVS primaria latente i dolore pelvico o o brien relativi alla somatizzazione tendevano a essere più alti che nella popolazione normale, mentre erano paragonabili dolore pelvico o o brien quello con la forma secondaria.

Si tratta di dolore pelvico o o brien interessanti, ma per confermare questi trend sono necessari campioni più numerosi. Il nostro studio ha diverse limitazioni. Inoltre, noi non avevamo, per confronto, un gruppo di controllo senza dolore o dei dati longitudinali. Infine, le donne che siamo riusciti a raggiungere telefonicamente potevano essere differenti da quelle non trovate o che rifiutavano di partecipare.

Le categorie della VVS non differivano quanto a durata o gravità del dolore nei rapporti. Questo lavoro preliminare solleva il problema relativo a una connessione causale tra distress psicologico e tipi di VVS 2. Tratti psicologici specifici possono precedere i disturbi dolorosi cronici o essere da questi modificati. Sebbene distress psicologico e somatizzazione possano essere una conseguenza di condizioni di dolore cronico, tali tratti possono in realtà precedere lo sviluppo del dolore anche se i tratti possono essere amplificati dai sintomi dolorosi 16, Infatti, in alcune condizioni di dolore idiopatico ad es.

A differenza delle donne che possono avere una maggiore predisposizione genetica ad es. Ad esempio, una variazione dolore pelvico o o brien polimorfismo di un singolo nucleotide del gene che codifica per la catecol-O-metiltransferasi COMT è predittiva di distress psicologico 24, Quasi dieci anni or sono, Pukall et al.

Tuttavia, fino ad oggi non è stata implementata una revisione check this out classificazione. Il presente studio fornisce una prova empirica, peraltro limitata, in favore della inclusione di caratteristiche psicologiche nella valutazione delle donne con VVS.

Sono state formulate tre teorie per spiegare questo fenomeno. Il dolore idiopatico o psicogeno è un tipo di dolore riferito senza una causa evidente. Il dolore urente è una sensazione dolorosa simile a quella provocata dal contatto con corpi roventi. Il termine dolore sociale è stato coniato nel da Jaak Panksepp [5].

CHE COSA CURA LA CHIROPRATICA?

Sono da prendere in dolore pelvico o o brien nella terapia del dolore. Disturbi psichici come p. Il dolore cronico presente nelle malattie degenerative, neurologiche, oncologiche, specie nelle fasi avanzate e terminali dolore pelvico o o brien malattia, assume caratteristiche di dolore GLOBALE, legato a motivazioni fisiche, psicologiche e sociali, come evidenziato nei documenti dell' Organizzazione Mondiale della Sanità OMS [6].

Ogni individuo reagisce in maniera unica a un determinato stimolo doloroso, sulla base delle esperienze pregresse e su quella che viene definita la sua soglia del dolore, e ogni persona è in grado di valutare, secondo il suo parametro, quanto è forte il suo dolore e quindi è in grado di oggettivarlo tramite una misurazione. Ogni click apprende il significato della parola dolore source le esperienze correlate a una lesione durante i primi anni di vita.

Essendo un'esperienza spiacevole, alla componente somatica del dolore si accompagna anche una carica emotiva. Il dolore pertanto è sempre soggettivo ed è importante che il paziente impari a misurare dolore pelvico o o brien suo dolore e dolore pelvico o o brien prenderne nota in un diario giornaliero [7].

Inoltre a seconda che la sua intensità sia lieve, moderata o severa, i farmaci che devono essere impiegati sono diversi [8]. Il dolore si misura attraverso l'impiego di scale ufficiali validate da studi clinici internazionali [7]. Al paziente verrà chiesto di segnare con una crocetta un punto tra le due linee; successivamente il clinico misurerà con un righello i millimetri che distanziano la X disegnata dal paziente dalla linea corrispondente a nessun dolore.

Il dolore misurato tramite VAS viene espresso con un valore a 2 cifre es 40, 60, 75, ecc. Scala verbale VDS soggettiva La scala verbale semplice VDS è unidimensionale e ripropone il susseguirsi di aggettivi che quantificano il dolore.

Scala numerica NRS La scala NRS si basa sull'utilizzo di una scala costituita da 11 gradi da 0 a 10, dove 0 corrisponde alla totale assenza di dolore e 10 rappresenta il peggior dolore immaginabile dal paziente. Il dolore rappresenta il mezzo con cui l'organismo segnala un danno tissutale.

Nel senso comune dolore è sinonimo di sofferenza. Diventa patologico quando si automantiene, perdendo il significato iniziale e diventando a sua volta una malattia sindrome dolorosa [1]. Il dolore ha una funzione fondamentale nella sopravvivenza dell'individuo animale dunque anche umanocome segnale della necessità di intraprendere una reazione a seguito di un'aggressione o di un danno all'integrità fisica. Per questo i recettori del dolore sono in grado di identificare vari tipi di stimoli source, siano essi meccanici, chimici, termici.

dolore pelvico o o brien

Non a caso i recettori nocicettoriali sono presenti praticamente nella totalità degli organismi viventi non vegetali, proprio perché durante la selezione naturale la loro utilità ne ha preservato la funzione. Questi dati mettono in luce la dimensione del problema che dolore pelvico o o brien affligge solo i pazienti affetti da patologie oncologichema anzi è particolarmente sentito e impattante nei pazienti affetti da patologie quali artritiartrosifibromialgiaosteoporosiecc.

È stato pubblicato recentemente un dolore pelvico o o brien [4] inerente a una survey condotta tra pazienti di 13 Paesi europei tra i quali anche l'Italia affetti da dolore non oncologico e seguiti dal gruppo di ricerca per un anno. La componente percettiva del dolore o componente neurologica è costituita da un circuito a tre neuroni che convoglia lo stimolo doloroso dalla periferia alla corteccia cerebrale mediante le vie spino-talamiche.

La parte click to see more del dolore o componente psichicaresponsabile della valutazione critica dell'impulso algogeno, riguarda la corteccia cerebrale e la formazione reticolare e permette di discriminare l'intensità, la qualità e il punto di provenienza dello stimolo nocivo; da queste strutture vengono modulate le risposte reattive. L'esperienza dolore pelvico o o brien dolore è quindi determinata dalla dimensione affettiva e cognitiva, dalle esperienze passate, dalla struttura psichica e da fattori socio-culturali.

Tutti i dolori che non fanno le veci di un campanello d'allarme sono inutili e possono essere soppressi; tali dolori sono rappresentati da tutti i tipi di dolore cronico, di qualunque natura essi siano, benigni o maligni. Il fatto che sia una esperienza personale implica un valore soggettivo che non è facilmente quantificabile. In altre parole è assai difficile misurare e valutare un dolore nella sua completezza.

Solitamente crea disagio fisico e psichico e compassione o gioia maligna sociale. Prima di giungere alla corteccia cerebrale lo stimolo muta in tre eventi: trasduzione, trasmissione e modulazione. dolore pelvico o o brien

Vaginismo: cause, caratteristiche e classificazione del disturbo

Dal punto di vista della durata temporaleil dolore è classificabile come:. La via del dolore origina alla periferia attraverso le terminazioni libere o fornite di corpuscoli sensitivi specifici, che hanno il compito di raccogliere gli stimoli dolorosi e inviarli alla corteccia dolore pelvico o o brien attraverso un sistema a tre neuroni: il primo dolore pelvico o o brien, il cui corpo risiede nel ganglio spinale della radice posteriore, va dalla periferia al corno posteriore della sostanza grigia del midollo spinale: dopo l'origine dal ganglio posteriore, si biforca a "T" formando due branche assoniuna chiamata "centrale" che attraverso le radici posteriori si dirige verso il Sistema Nervoso Centrale, l'altra "periferica" che giunge alle strutture da innervare attraverso i nervi somatici o viscerali.

Il secondo neurone origina nella parte postero-laterale del corno posteriore attorno a cui termina il primo neurone, percorre il fascio spino-talamico laterale e termina nel circolo postero-laterale del talamo. Il terzo neurone va dal nucleo postero-laterale del talamo alla circonvoluzione postero-laterale della corteccia cerebrale. Oltre a queste tipologie di dolore ne esistono molte altre che si basano sulla provenienza anatomica dello stimolo dolorifico somatico, viscerale, misto o sulla tipologia dello stimolo dolorifico acuto, puntorio, urente, lancinante, elettrico, pulsante, cronico e altri.

È il dolore veicolato dalle fibre afferenti somatiche che trasportano le sensazioni dolore pelvico o o brien dalla testa, dal tronco e dalle estremità. Rispondono a stimoli quali pressione, trazione, taglio, sfregamento, variazioni termiche, variazioni del pH, azioni enzimatiche. Questo dolore viene veicolato dalle fibre che dolore pelvico o o brien nei nervi simpatici di provenienza generalmente toracica e parasimpatici provenienti dalle restanti strutture. Gli impulsi nocivi vengono evocati da stimoli quali distensione brusca dei visceri, contrazioni, irritanti chimici, infiammazione.

Quando interessa sia strutture somatiche sia viscerali: ad esempio l'estensione di un processo infiammatorio da un organo addominale al peritoneo parietale. Dolore che viene proiettato a distanza rispetto al viscere in cui origina lo stimolo nocivo, come ad esempio il dolore al braccio nel corso di un infarto miocardico. Sono state formulate tre teorie per spiegare questo fenomeno. Il dolore idiopatico o psicogeno è un tipo di dolore riferito senza una causa evidente.

Il dolore urente è una sensazione dolorosa dolore pelvico o o brien a quella provocata dal contatto con corpi roventi. Il termine dolore sociale è stato coniato nel da Jaak Panksepp [5]. Sono da prendere in considerazione nella terapia del dolore. Disturbi psichici come p. Il dolore cronico presente nelle malattie degenerative, neurologiche, oncologiche, specie nelle fasi avanzate e terminali di malattia, assume caratteristiche di dolore GLOBALE, legato a motivazioni fisiche, psicologiche e sociali, come evidenziato nei documenti dell' Organizzazione Mondiale della Sanità OMS [6].

Ogni individuo reagisce in maniera unica a un determinato stimolo doloroso, sulla base delle esperienze pregresse e su quella che viene definita la sua soglia del dolore, e ogni persona è in grado di valutare, secondo dolore pelvico o o brien suo parametro, quanto è forte il suo dolore e quindi è in grado di oggettivarlo tramite una misurazione.

Ogni individuo apprende il significato della parola dolore attraverso le esperienze correlate a una lesione durante i primi anni di vita. Essendo un'esperienza spiacevole, alla componente somatica del dolore si accompagna anche una carica emotiva. Il dolore pertanto è sempre soggettivo ed è importante che il paziente impari a misurare il suo dolore e a prenderne nota in un diario giornaliero [7].

Inoltre a seconda che la sua intensità sia lieve, moderata o severa, i farmaci che devono essere impiegati sono diversi [8]. Il dolore si misura attraverso l'impiego di scale ufficiali validate da studi clinici internazionali [7].

Al paziente verrà chiesto di segnare con una crocetta un punto tra le due linee; successivamente il clinico misurerà con un righello i millimetri che distanziano la X disegnata dal paziente dalla linea corrispondente a nessun dolore. Il dolore misurato tramite VAS viene espresso con un valore a 2 cifre es 40, 60, 75, ecc. Scala verbale VDS soggettiva La scala verbale semplice VDS è unidimensionale e ripropone il susseguirsi more info aggettivi che quantificano il dolore.

Scala numerica NRS La scala NRS si basa sull'utilizzo di una scala costituita da 11 gradi da 0 a 10, dove 0 corrisponde alla totale assenza di dolore e 10 rappresenta il peggior dolore immaginabile dal paziente. La valutazione del dolore viene effettuata chiedendo al paziente di assegnare un punteggio corrispondente al dolore provato.

Scala di Wong Baker o delle espressioni facciali La scala HFPRS è composta da disegni di faccine con diverse espressioni: da sorridente che significa nessun dolore fino al pianto disperato che significa il peggior dolore possibile. È un sistema di valutazione che viene utilizzato nei dolore pelvico o o brien o nelle persone che hanno difficoltà espressive. Il bambino, o l'adulto, deve indicare quale espressione, in quel dolore pelvico o o brien, rappresenta meglio la sua sensazione dolorosa.

La scala FLACC è utilizzata per la valutazione del dolore nei bambini tra i 2 mesi e i 7 anni d'età sulla base di cinque parametri: espressione facciale, gambe, attività, pianto, consolabilità. Il nome deriva dall'acronimo inglese dei cinque parametri face, leg, activity, cry, consolability.

Le scale non possono essere ufficialmente confrontate tra di dolore pelvico o o brien, in quanto non ci sono evidenze scientifiche che ne dimostrino dolore pelvico o o brien corrispondenza [10] [11].

dolore pelvico o o brien

Proprio per questo motivo, negli ultimi tempi si sta dolore pelvico o o brien di utilizzare, almeno negli studi clinici, un'unica tipologia di scala che è la scala NRS. Questo permette agli studiosi di confrontare tra loro i risultati delle diverse ricerche per dare delle risposte cliniche valide ai malati di dolore.

È importante che il dolore venga misurato con regolarità anche per poter capire se dolore pelvico o o brien terapia antalgica impostata ha effetto. L' Organizzazione Mondiale della Sanità ha proposto delle linee guida sul corretto approccio al dolore, this web page per quello di natura oncologicapoi allargate al dolore anche dolore pelvico o o brien natura go here oncologica, che suggerivano una scala sequenziale di modalità terapeutica da adattare a ogni singolo paziente [12].

Una revisione di queste linee guida, effettuata nelribadiva alcuni punti fondamentali [8] :. A oltre 11 anni dalla diffusione di queste linee guida, l'approccio al dolore ha subito alcune rivisitazioni, dettate anche dalle maggiori conoscenze maturate in questi anni [13] [14]. Prima di tutto, dolore pelvico o o brien è ribaltato l'ordine di priorità: il paziente è diventato dolore pelvico o o brien soggetto principale e qualsiasi scelta terapeutica deve essere concordata e condivisa.

Per questo è molto importante che il malato di dolore sia correttamente informato su quelli che possono essere i vantaggi e gli svantaggi delle diverse classi terapeutiche, in modo tale da poter seguire con maggior cognizione quanto suggerito dal medico. Inoltre, riguardo alla scala a 3 dolore pelvico o o brien a seguito di numerose pubblicazioni scientifiche, è stato dimostrato che il miglior approccio terapeutico è quello definito a 2 gradini, che prevede l'impiego di antinfiammatori se il dolore è lieve e l'impiego di oppioidi forti - a basse dosi per il dolore lieve e a dosi più elevate se il dolore è severo - negli altri casi.

Alcuni studi [15] [16] [17] [18] hanno dimostrato che questo tipo di terapia permette di ottenere il controllo del dolore in tempi più brevi, riducendo i dosaggi complessivi e limitando gli effetti collaterali.

Il 15 marzo viene firmato l' atto normativopubblicato in Gazzetta Ufficiale il 19 marzoche sancisce il diritto per tutti i cittadini di essere curati per la malattia dolore legge n. L'articolo 1 della legge n. Altri progetti. Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Questa voce o sezione ha problemi di struttura e di organizzazione delle informazioni. Nella discussione puoi collaborare con altri utenti alla risistemazione.

Questa voce o sezione sull'argomento medicina ha un' ottica geograficamente limitata. Contribuisci ad ampliarla o proponi le modifiche in discussione. Se la voce è approfondita, valuta se sia preferibile renderla una voce secondaria, dipendente da una più generale. Segui i suggerimenti del progetto di riferimento. The impact of chronic pain. European patient's perspective over 12 months.

Scandinavian Journal of Pain. Comparison of patients' ratings and examination of nurses' responses to pain intensity rating scales. Cancer Nurs. Merkel, Jay R. Shayevitz, Terri Voepel-Lews. Comparison of a visual analogue scale and a numerical rating scale for assessment of lameness, using sheep as a model. Am J Vet Res. A comparison of pain rating scales by sampling from clinical trial data. Clin J Pain. Management of cancer pain: ESMO clinical recommendations.

Ann Oncol. Pain therapy. Crit Rev Oncol Hematol. Use of strong opioids in advanced cancer pain: a randomized trial. J Pain Symptom Manage. Effi cacy and tolerability of cancer pain management with controlled-release oxycodone click the following article in opioid-naive cancer pain patients, starting with 5 mg tablets.

Jpn J Clin Oncol. Low morphine doses in opioid-naive cancer patients with pain. Support Care Cancer. Algesia Analgesia Antianalgesia Crepacuore Disbasia Fisiologia del dolore Iperpatia Scala visuo-analogica del dolore Sindrome da dolore parossistico estremo Soglia del dolore Sostanza grigia periacqueduttale.

Altri progetti Wikiquote Wikizionario Wikimedia Commons. Portale Medicina : accedi dolore pelvico o o brien voci di Wikipedia che trattano di medicina.

Categorie : Segni e sintomi neurologici Dolore Sensi. Menu di navigazione Strumenti personali Accesso non effettuato discussioni contributi registrati entra. Namespace Voce Discussione. Visite Leggi Modifica Modifica wikitesto Cronologia.